“La più grande fuga che abbia mai fatto è stata quando ho lasciato Appleton, Wisconsin—
– Harry Houdini

Foto dell’autore.

“La mia vita professionale è stata un record costante di disillusione, e molte cose che sembrano meravigliose per la maggior parte degli uomini sono i luoghi comuni di tutti i giorni della mia attività.”
– Harry Houdini

Nel gennaio 2014 quando ho scritto sui re delle manette sapevo che c’era molto di più che desideravo scrivere su Harry Houdini. Non diversamente da Dylan, la sua storia di vita è stata una costante invenzione, sfide assurde, fama incredibile e incredibili imprese di illusione.

Era nato Ehrich Weiss a Budapest, Ungheria nel 1874, la maggiore età negli ultimi anni del 19 ° secolo. E ‘ stato un periodo nella storia in cui circhi e vaudeville fiorirono. Non c’erano televisori, radio o altri mezzi di distrazione disponibili oggi.

Harry Houdini deve aver preso un lustro al dramma e l ” eccitazione della vita circense. Inizialmente divenne un maestro di illusioni, particolarmente dedito al gioco di prestigio e ai trucchi con le carte, doppiando se stesso il “Re delle carte.”Alla fine il suo repertorio è cresciuto fino a includere ogni sorta di puzzle e tutto ciò che sembrava portare il maggior numero di sussulti. Come artista di fuga ha imparato praticamente tutto quello che c’era da sapere su serrature, corde, catene e manette. Non si è fermato qui, progettando nuove fughe che avrebbero messo a rischio la sua vita, tra cui il famoso milk can escape.

Più tardi nella vita si preoccupò del modo in cui i medium frodavano le persone vulnerabili tenendo sedute spiritiche in modo che potessero entrare in contatto con madri o bambini che erano morti. I ricchi pagavano dollari seri per questa forma di conforto. Houdini lo trovò spregevole e praticamente fece una crociata per esporre questi medium, uno dei quali era la moglie di Sir Arthur Conan Doyle.

Quando il compianto John Bushey mi mostrò la sua collezione di manette includeva un set appositamente creato da Houdini appositamente per questo compito di mostrare quanto fosse facile per i medium ingannare le persone e far credere loro che gli spiriti fossero presenti. L’ho capito perfettamente.

La “magia” eseguita da Houdini richiedeva a volte imprese quasi sovrumane da parte del mago. L’esempio principale di questo può essere la cella di tortura dell’acqua cinese in cui Houdini sarebbe posto a testa in giù in uno spazio chiuso pieno d’acqua. Presumibilmente ha dovuto trattenere il respiro per almeno tre minuti sott’acqua per eseguire questa fuga, un risultato che pochi avrebbero osato tentare.

Uno dei motivi per cui ha iniziato a fare la fuga di tortura dell’acqua era perché molti imitatori stavano facendo il suo latte può sfuggire, anche se lo aveva brevettato. Allora, come ora, una cosa è possedere un brevetto e un altro per applicarlo. La sfida sembrava impossibile. Lo spazio era troppo stretto per manovrare, le sue gambe erano trattenute in modo che pendesse a testa in giù e poi fosse bloccato nel serbatoio dell’acqua traboccante. Showman fino alla fine, è diventato il suo trucco firma fino al giorno in cui è morto.

EdNote: Due dei miei film preferiti sulla magia e i maghi dell’era Houdini sono The Prestige e The Illusionist. Guardali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.