Da Jonathan Stempel

NEW YORK (Reuters) – Starbucks Corp non è riuscito a convincere una corte federale d’appello per interrompere una piccola struttura a conduzione familiare New Hampshire torrefazione vendita caffe noto come “Charbucks.”

Sentenza in un caso che ha avuto inizio nel 2001, il 2 ° U. S. Circuit Court of Appeals ha detto che Black Bear Micro Roastery e il suo proprietario, Wolfe’s Borough Coffee Inc, possono continuare a vendere “Charbucks Blend”, “Mister Charbucks” e “Mr. Charbucks” caffè.

Il giudice del circuito Raymond Lohier ha scritto per una giuria di tre giudici che Starbucks con sede a Seattle non meritava un’ingiunzione per fermare le vendite di Charbucks, non avendo dimostrato che i consumatori sarebbero stati confusi attraverso una “sfocatura” del suo marchio.

La corte d’appello di New York ha lasciato in piedi una constatazione di dicembre 2011 da parte degli Stati Uniti. Il giudice distrettuale Laura Taylor Swain a Manhattan che Charbucks era “solo debolmente associato con il minimamente simile” marchio Starbucks.

Molti rivenditori, specialmente quelli che vendono prodotti di lusso o premium, intentano cause legali contro grandi e piccoli rivali che ritengono stiano abusando dei loro marchi, riducendo potenzialmente profitti e entrate e danneggiando la loro reputazione.

Un fulcro del caso Starbucks’ era stato un sondaggio telefonico di 600 persone dal sondaggista Warren Mitofsky, che ha rilevato che “l’associazione numero uno del nome ‘Charbucks’ nella mente dei consumatori è con il marchio ‘Starbucks.”

Ma il 2 ° circuito ha detto che il sondaggio era” fondamentalmente imperfetto “e ha tratto le sue conclusioni da come i consumatori pensavano a” Charbucks ” in isolamento, non al suo contesto reale.

Ha detto che mentre il 39,5% dei partecipanti ha pensato a “Starbucks” o “caffè” quando gli è stato chiesto cosa mi è venuto in mente dopo aver sentito “Charbucks”, solo 4.il 4 per cento ha detto “Starbucks” o ” coffee house “quando gli viene chiesto chi potrebbe vendere un prodotto” Charbucks”. “Negozio di alimentari” è stata la risposta più popolare a questa domanda.

“Visto alla luce della fama di Starbucks”, ha scritto Lohier, “il fatto che più partecipanti al sondaggio non pensassero a “Starbucks” dopo aver sentito “Charbucks” rafforza la conclusione del tribunale distrettuale che i marchi sono solo minimamente simili.”

Zack Hutson, un portavoce di Starbucks, ha dichiarato: “Stiamo rispettando la decisione della corte.”

Christopher Cole, un avvocato di Sheehan, Phinney, Bass & Green che rappresenta Black Bear, ha dichiarato in un’intervista: “Questa è una decisione valida. Deriva dalla drammatica dissomiglianza tra il modo in cui i diversi prodotti appaiono effettivamente nel commercio e sono visti dai consumatori.”

Starbucks è cresciuta dal 1971 da un unico negozio nel Pike Place Market di Seattle nella più grande catena di caffè del mondo, con quasi 18.000 negozi in 60 paesi e oltre $14,8 miliardi di fatturato annuo.

Black Bear ha sede a Tuftonboro, New Hampshire. Ha creato ” Charbucks Blend “nel 1997 e ora vende caffè arrosto scuro come” Mister Charbucks “e” Mr. Charbucks.”

Il secondo Circuito ha notato che uno dei motivi per cui Black Bear ha usato “Charbucks” era la percezione pubblica che Starbucks usa un arrosto insolitamente scuro per il suo caffè.

Il caso è Starbucks Corp et al contro Wolfe’s Borough Coffee Inc d/b/a Black Bear Micro Roastery, 2nd US Circuit Court of Appeals, No. 12-364.

(Segnalazione di Jonathan Stempel; Montaggio di Dan Grebler e John Wallace)

Chiamare tutti i superfan HuffPost!
Iscriviti per diventare membro fondatore e contribuire a plasmare il prossimo capitolo di HuffPost

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.