Creative Commons Immagine ottenuta attraverso Flickr

Nel 1915 Cecil Sharp, un importante collezionista di ballate tradizionali inglesi, è stato informato che molti cantanti Appalachian stavano cantando vecchie canzoni inglesi. Tra il 1916 e il 1918 fece un tour nella Carolina del Nord occidentale e in altri stati degli Appalachi, registrando oltre 500 ballate con radici inglesi. La sua fonte più preziosa era Jane Hicks Gentry da Hot Springs, North Carolina. Gentry era un membro della rinomata famiglia di narratori e cantanti della Carolina del Nord, gli Harmons. Ha condiviso oltre 70 delle sue canzoni con Sharp. Nel 1917 Sharp pubblicò la sua raccolta di canzoni in un libro intitolato English Folk Songs from the Southern Appalachians. Il libro è la fonte più importante di canzoni tradizionali Appalachi. Nel 2000, il film Songcatcher ha interpretato l’esperienza di Sharp collezionando ballate in Appalachia.

Cecil Sharp

Le canzoni tradizionali, come i cibi tradizionali, rappresentano più di quanto inizialmente incontrino l’occhio. Rappresentano i legami familiari, il senso del luogo, la comunità e le gioie condivise & si dispera. Semplicemente, rappresentano la storia. Non sorprende che questo sia esattamente ciò che il folklorista inglese Cecil Sharp ha scoperto (e confermato) mentre visitava gli Appalachi meridionali all’inizio del 20 ° secolo.

Cecil Sharp nacque a Londra nel 1859. Da giovane ha studiato a Cambridge e ha continuato a insegnare in Inghilterra e in Australia. Intorno al 1900 rivolse la sua attenzione alla musica folk, viaggiando per la campagna inglese, documentando e registrando le ballate tradizionali scomparse che esistevano solo nelle menti, nei cuori e nelle voci delle generazioni che invecchiavano.

Fortunatamente (e un po ‘ a malincuore), Sharp alla fine indirizzò la sua passione per la raccolta di canzoni verso gli Stati Uniti. Le sue aspettative iniziali erano basse. Come potrebbe un giovane, parvenu di una nazione offrire un contributo significativo allo studio delle ballate tradizionali europee? Sharp sentiva che pochi individui di età inferiore ai 70 anni possedevano i ricordi e i sentimenti autentici e in prima persona necessari per rappresentare veramente il patrimonio della cultura sbiadita e tramandata. Certamente un vivace, crescente Stati Uniti, pieno di nazionalismo emergente e capitalismo, con poco preavviso minimizzato piuttosto che celebrato i modi homespun dei suoi genitori e nonni. Per la sua gioia, e per il nostro beneficio, ciò che Sharp ha trovato sorpreso e intimorito tutti.

In tre viaggi separati in America, tra il 1916 e il 1918, Cecil Sharp trascorse 46 settimane nelle remote comunità degli Appalachi meridionali. Ha raccolto quasi 2.000 canzoni & arrangiamenti. Alcuni erano di evidente origine inglese; altri – come la square dance-erano distintamente americani. Indubbiamente l’associazione più preziosa di Sharp negli Stati Uniti era con Olive Dame Campbell, moglie dell’educatore, attivista sociale e conservazionista, John C. Campbell.

Molto prima che Sharp e Campbell si incontrassero, Olive Dame aveva trascorso anni ad accompagnare il marito nei suoi viaggi osservando i sistemi scolastici negli Appalachi rurali. Durante questi viaggi, Campbell fu esposto per la prima volta a canzoni e ballate di montagna. Ha scritto di una tale esperienza, presso la Hindman Settlement School nel Kentucky nel 1907-e la sua profonda influenza sulla sua vita,

“Lo dimenticherò mai. Il fuoco ardente, la giovane ragazza sul suo sgabello basso davanti ad esso, il morbido strimpellare strano del banjo – diverso da tutto quello che avevo sentito prima – e poi la canzone. Ero stato abituato a cantare Barbara Allen da bambino, ma quanto lontano da quella melodia gentile era questo – così strano, così remoto, così emozionante. Sono stato perso quasi dalla prima nota, e la stanza piacevole è svanita dalla vista; il cantante solo una voce. Vidi di nuovo la lunga strada su cui eravamo venuti, le colline scure, i torrenti rocciosi delimitati da alti hemlocks e hollies, le cabine solitarie distinguibili di notte solo dalla luce del fuoco che svasava dai loro camini. Poi, anche questi, sbiadito, e mi sembrava di essere portato lungo in un passato ancora più debole e lontano, di cui io stesso ero una parte.”

Nel 1916, Cecil Sharp con la sua segretaria e assistente, Maud Karpeles, arrivò in America – dove inizialmente condusse una serie di conferenze sulla musica folk inglese e la sua influenza sulla comunità. Durante tutto, Sharp non tacque della sua rinuncia alla conclusione che non esisteva una cosa come la musica folk americana. Quando raggiunse Chicago, temeva che il suo viaggio avrebbe prodotto pochi frutti nel suo campo di ricerca. Poco dopo, arrivando ad Asheville NC, Sharp chiamò Olive Dame Campbell, che aveva incontrato brevemente in Inghilterra un anno prima. Per Sharp, Campbell ha insistito sul fatto che gli abitanti degli Appalachi meridionali stavano ancora cantando le canzoni tradizionali e ballate che i loro antenati inglesi e scozzesi avevano portato con loro al momento della loro emigrazione. E lei ha deciso di dimostrare proprio questo.

Sotto la direzione di Campbell, e spesso compagnia, Sharp si avventurò nelle remote comunità della regione. Le sue scoperte furono straordinarie. Ha registrato decine di voci di diario Madison Nella contea di Madison, NC, Sharp ha attraversato il francese Broad su un punt per accedere alla sede della contea di Marshall e la vicina città di Hot Springs. Il traghettatore raccontò a Sharp del canto di sua moglie (che Sharp incontrò) e che “mentre era a Hot Springs poteva prendere una buona canzone dal postino” ” who che gli disse di cercare una ragazza cieca di nome Linnie Landers e ottenere alcune buone canzoni da lei.”

In Inghilterra, Sharp era abituato a collezionare canzoni di persone anziane – in America era spesso sorpreso dalla giovane età dei suoi cantanti. Scrive: “Floyd Chandler ha cantato Mathy Groves molto magnificamente e ha solo 15 anni. Un altro cantante, David Norton, aveva diciassette anni. Addie Crane aveva ventuno anni e Linnie Landers aveva solo vent’anni. Anche la temibile signora Gentry aveva solo cinquant’anni!”

Alla sua collezione, questo viaggio iniziale in America ha fornito taglienti oltre 400 canzoni e danze, e servito a stimolare sia il suo interesse e il desiderio di tornare il più presto possibile. Campbell ha suggerito una visita autunnale come un buon momento per raccogliere ballate come i residenti di montagna sarebbero coinvolti in ” scherzi, rotoli di registro, huskings mais, ‘bilings lasses, tagli di anguria, e così via.”Ha aggiunto, tuttavia, che questi eventi” possono essere accompagnati da bere eccessivo e da caratteristiche ancora meno desiderabili.”

Quando Sharp tornò nel 1917, un’impresa particolarmente frustrante fu lungo la ferrovia che correva da Asheville a & attraverso le contee più occidentali della Carolina del Nord. Scrive del viaggio, ” Balsam è sul punto più alto sulla linea Asheville – Murphy, ed è 3550 piedi in su. Il tempo però è caldo come può essere e abbiamo trovato i nostri lunghi vagabondi sulle montagne piuttosto faticoso-tanto più che finora non abbiamo colpito su cantanti di cui parlare. Il fatto è che siamo troppo vicini a Waynesville – un grande centro industriale, e gli abitanti sono stati parzialmente rovinati, questo è dal mio punto di vista. Le casette di legno sono abbastanza primitivi, ma i loro proprietari sono puliti, pulito e ordinato, guardando un po ” come cameriere in famiglie suburbane rispettabili. È triste che la pulizia e la buona musica, o il buon gusto nella musica raramente vadano insieme. Sporcizia e buona musica sono i soliti compagni di letto.”

La macchia di “progresso” riflette solo un accenno alle molte dure realtà dei trekking americani di Sharp. Anche se le sue collezioni sono cresciute, così ha fatto le sue sfide professionali e personali. La rovina finanziaria era sempre in agguato, costringendolo a volte a rinunciare alla raccolta e tornare al circuito delle conferenze per ottenere finanziamenti & supporto. Anche la famiglia di Sharp ha lottato – chiedendosi spesso quando e le condizioni del suo ritorno. In un’assenza particolarmente lunga, la moglie di Sharp ha subito un ictus mentre era via, richiedendo la sua brusca partenza e il successivo ritardo nel ritorno. Inoltre, Sharp non era un uomo cordiale e la sua salute, come i suoi viaggi, seguiva una serie apparentemente infinita di vette e valli. Scrivendo di un’escursione particolarmente estenuante nel Kentucky, ” greatly molto deluso da Harlan. È una città mineraria sporca, rumorosa e volgare. Hotel impossibile. Molto depresso.”In particolare, doveva essere uno dei periodi più produttivi nella raccolta di Sharp – aggiungendo quasi 200 canzoni alla sua collezione. Tuttavia, cattive condizioni di salute, ancora una volta è emerso, “‘Sento molto male al risveglio. Temperatura ancora alta. Sentirsi molto depresso-Sentirsi molto malato e senza speranza.”Qui il suo assistente scrive:” Cecil non va affatto bene got ha un materasso (e) dormito sul pavimento nella sua stanza.”Aggiungendo al suo disagio, Sharp cominciò a soffrire di violenti mal di denti, spingendo i medici a estrarre tutti i suoi denti.

Nonostante la natura estenuante del suo progetto triennale, gli sforzi di Cecil Sharp hanno avuto un effetto immediato sul folklore americano, l’intrattenimento e gli accademici. I suoi racconti & risultati hanno influenzato un’intera generazione di storici sociali, incoraggiandoli a diventare più attivi nella ricerca delle proprie culture popolari. Nel giro di un decennio, la musica country moderna è nata da registrazioni di ballate tradizionali prodotte nel cuore degli Appalachi meridionali. All’interno dei corsi di” Storia”, le università includevano un cenno al”Patrimonio”. Tuttavia, più rilevante, è stato l’impatto quartiere. Festival musicali, spettacoli e concorsi cominciarono ad apparire a livello nazionale e in tutta la regione. Il Mountain Dance and Folk Festival di Asheville, tenutosi per la prima volta nel 1920, è un esempio di una comunità che prende ciò che Sharp ha “scoperto” e lo intreccia nel tessuto della loro vita quotidiana, nonostante l’assalto del progresso e dell’età moderna.

Così, la prossima volta che si sente un valzer di montagna, è probabile che la melodia inquietante in background è uno dei tanti Cecil Sharp incontrato nei boschi di un giovane Stati Uniti. La musica alla prossima square dance a cui parteciperai sicuramente è cresciuta di radici europee ripiantate da un popolo sfollato. Poche caratteristiche di una cultura raccontano una storia nel modo in cui fa una canzone. Questo fatto, senza dubbio, è ciò che Cecil Sharp ha fornito a se stesso, all’America e, in effetti, al mondo. La musica è certamente uno dei legami che legano il nostro patrimonio montano.

Tim Osment (M. A. 2008)

Nota: Per uno sguardo interessante e rivelatore sulle interazioni tra i musicisti tradizionali di montagna dei primi anni del 20 ° secolo e i musicologi “esterni” che li cercavano, guarda il film del 2000, “Songcatcher”.

Multimedia:

Di seguito è riportato il momento patrimonio digitale come trasmesso alla radio:

Fonti

  • C. H. Farnsworth e Cecil Sharp, editori Folk-canzoni, canti e giochi di canto.
  • Maud Karpeles. Cecil Sharp; La sua vita e il suo lavoro
  • Maud Karpeles, editore, The Crystal Spring: canzoni popolari inglesi raccolte da Cecil Sharp.
  • A. H. Fox Strangways, Cecil Sharp.
  • C. E. M. Yates, Dear Companion: Canzoni tradizionali degli Appalachi e cantanti della collezione Cecil Sharp.
  • http://www.themorrisring.org/more/cs.html
  • http://www.mustrad.org.uk/articles/sharp.htm
  • http://www.answers.com/topic/cecil-sharp
  • http://www.traditionalmusic.co.uk/english-folk-songs/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.