Ginni Mahi a casa sua con uno strumento popolare Punjabi chiamato ” thumbi.”Una nuova canzone vivace che ostenta il suo orgoglio di casta è diventata una sorta di inno per molti giovani nelle comunità di caste inferiori emarginate dell’India. (Rama Lakshmi/The Washington Post)

JALANDHAR, India — Per secoli in India, l’odioso insulto è stato scagliato contro la comunità di casta inferiore di conciatori di pelle, considerati “intoccabili.”

Ora la generazione più giovane della comunità sta abbracciando la parola: “chamar.”

Una canzone di successo chiamata “Danger Chamar” di Ginni Mahi, una studentessa universitaria e cantante nello stato settentrionale del Punjab, è diventata una sorta di inno, ed è stata condivisa ampiamente sui social media dai giovani delle comunità di casta inferiore emarginate in India.

Mahi è uno di una manciata di giovani dalit della classe media, come sono noti i membri di quella casta, che hanno scatenato un movimento cantando canzoni sulla casta e celebrando gli eroi della lotta contro il secolare sistema di caste indiano.

“Sono orgoglioso di essere un camaro, non c’è vergogna nell’ammetterlo”, ha detto Mahi, che ha 17 anni. Pacato e indossando abito tradizionale di arancio scintillante e verde, si sedette per un colloquio di questa settimana a casa della classe media della sua famiglia vicino al suo all-girls college. “È giunto il momento di scrollarsi di dosso il bagaglio storico e restituire rispetto a questa parola. Per quanto tempo temeremo la parola che è caduta nelle nostre orecchie solo come un insulto?”


Ginni Mahi, una cantante universitaria di 17 anni nello stato settentrionale del Punjab. (Rama Lakshmi/The Washington Post)

La maggior parte dei Dalit lotta ancora come braccianti agricoli senza terra, vive in quartieri segregati nei villaggi e sono troppo poveri per permettersi smartphone o accedere a Internet. Ma decenni di politiche di azione affermativa hanno dato vita a una classe media Dalit vocale nelle città. Con l’educazione e la ritrovata ricchezza, la sintassi della loro protesta contro la casta sta cambiando.

Negli ultimi anni, i cantanti Dalit hanno ripreso la parola nel modo in cui i rapper afroamericani hanno abbracciato la parola N.

Gli insulti di casta inferiore come chamar sono diventati un distintivo di orgoglio da indossare su T-shirt, cappellini, adesivi per auto e tatuaggi. Nella canzone di Mahi, canta che i camari sono più pericolosi delle armi. Impostato su un ritmo popolare bhangra, risuona di autoradio, feste di matrimonio ed eventi Dalit pride.

Questo nuovo movimento è molto lontano dalla storica legge del 1989 che protegge i Dalit dagli abusi e dalla violenza. Porta pene detentive fino a sei mesi per le persone di casta superiore se usano insulti come chamar.

Ma tali canzoni orgoglio non è venuto fuori dal nulla, dice Dalit romanziere Desraj Kali. Nel secolo scorso, gruppi Dalit hanno messo in scena diverse rivolte nel Punjab, costruito i propri templi e spostato fuori occupazioni tradizionali per avviare piccole imprese, unirsi all’esercito e servire nel governo. Durante le proteste di strada contro la discriminazione in 2006 e 2009, sono diventati consapevoli della propria forza, ha detto Kali, ponendo le basi per una nuova era di orgoglio comunitario.

“Hanno iniziato a mostrare in modo aggressivo le parole” Figlio di un camaro “sulle loro auto e moto”, ha detto Kali.

Mahi è il più famoso e il più recente concorrente in questo universo in crescita. Indossa una giacca di pelle dura nel suo video di successo, ed è sostenuta da uomini che ostentano muscoli e tatuaggi e rompono bottiglie.

YouTube/AmarAudioOfficial

Nelle ultime settimane, gruppi di dalit hanno protestato in tutta l’India contro il pestaggio di quattro uomini da parte di una sedicente squadra di protezione delle mucche indù con il sospetto di aver ucciso una mucca-un atto che molti credono essere proibito nella fede indù.

Gli uomini, che erano Dalit, hanno detto che stavano portando una mucca morta per la scuoiatura, come ci si aspetterebbe tra i conciatori di cuoio tradizionali.

“Quando le persone oscillano alla mia musica, voglio che pensino agli abusi che continuiamo ad affrontare”, ha detto S. S. Azad, cantante apioneering nel genere.

Mahi ha detto che non ha subito personalmente abusi. Ma la sua canzone più famosa è stata ispirata quando un compagno di scuola le ha chiesto: “Qual è la tua casta?”

“Questa è la domanda più comune in India”, dice. Quando Mahi rispose, il suo compagno di classe disse: “Oh, ma i camari sono pericolosi.”

I cantanti pop Dalit spesso lodano il venerato leader del movimento Dalit moderno, Bhimrao Ambedkar, uno studioso che ha diretto il pannello che ha redatto la costituzione della nazione.

” Siamo qui oggi grazie ai suoi sforzi. Ma le sue storie di vita mancano dai nostri libri di testo scolastici”, ha detto Mahi. Ha scritto una canzone di successo quest’anno chiamata “Sono un fan di Ambedkar”, sperando di attirare i giovani “deficit di attenzione” dell’India agli ideali di equità sociale di Ambedkar.

Crescendo, Mahi era una bambina tranquilla e timida, dice suo padre.

“La chiamavamo beffardamente “senza voce”, ha detto Rakesh Mahi, agente di viaggio e attivista. “I suoi insegnanti spesso si lamentavano con me per il suo silenzio in classe.”

La musica l’ha aperta, ha detto.

YouTube/AmarAudioOfficial

Mahi ha cantato nelle sessioni di preghiera quotidiane e nelle competizioni a scuola, diventando il preferito degli insegnanti. Suo padre la mandò a cantare agli eventi della comunità Dalit e le insegnò Ambedkar in giovane età.

Ora, i suoi trofei competono per lo spazio con i ritratti di Ambedkar su un muro della sua casa, dove vive in una famiglia congiunta di 20 persone, una tradizione che dice di amare.

Ha iniziato a registrare quattro anni fa, ma dall’uscita di “Danger Chamar” e un’altra canzone di successo a febbraio, Mahi è diventata una mini-celebrità. Ora si destreggia tra studi universitari, visite in studio di registrazione, inviti per spettacoli teatrali e interviste ai media. Tre mesi fa, ha ottenuto il suo primo kit per il trucco degli occhi e un nuovo iPhone. La sua ambizione è quella di cantare nei film di Bollywood, lei dice, in un settore notoriamente basso sulla rappresentazione Dalit.

È in un business in cui gli artisti Dalit spesso commettono tasse più basse rispetto ai loro coetanei di casta superiore.

“I gestori degli eventi ritengono che i cantanti Dalit non debbano essere corteggiati e coccolati”, ha detto il cantante Hemant Kumar Bauddh.

E non tutti i cantanti Dalit sono confortevoli abbracciando l’identità di casta.

“La mia musica dice, ‘Ora basta, porre fine a questa malattia chiamata sistema di caste,’ ” ha detto Kabeer Shakya, il fondatore della rock band dalit Dhamma Wings a Mumbai.

Mahi dice che l’orgoglio di casta è il primo passo verso questo: “Prima dovresti essere orgoglioso di chi sei, poi ti alzi per distruggere tutte le identità di casta.”

La nuova guerra di 140 caratteri sul sistema di caste indiano

Le caste inferiori dell’India combattono contro le squadre indù di protezione delle mucche

Un sopravvissuto allo stupro indiano è stato presumibilmente violentato di nuovo dagli stessi cinque uomini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.